Uno scarto di vento

d’ottobre
si fa culla ogni foglia
manto a giacigli
nei residui di sera
 
il silenzio è una madre
che accarezza i capelli
 
morbidi i cirri
a velare l’autunno
 
uno scarto di vento
quattro sillabe e un grillo
 
tra gli ocra un fruscio
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *