Girasoli addormentati ( per non dimenticarli )

non contavamo le ore
che mancavano alla sera

a capo chino
girasoli addormentati

contavamo gli occhi,
che mancavano

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Spicchi di sole

quando è liscia la pietra
dall’andare dell’acqua

ogni spicchio di sole
si fa arcobaleno

un refolo sfiora
quanto manca alla sera

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Sulla cresta di scirocco

non ha profilo il dolore
come la paura
talvolta neanche storia

s’adagia
nebbia sui dettagli

confonde
sulla cresta di scirocco

e goccia tra le nuvole
si sta

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Ciao papà

talvolta

è breve il tragitto
tra ricordo e rimpianto

su quel letto
non ti ho detto ciao

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Portami con te ( 15 marzo giornata del fiocchetto lilla )

portami con te
 
a passeggiare coi pensieri
quando guardi tra i castagni
-un punto un guscio  l’infinito-
ed io che parlo e non mi senti
 
nell’urlo che non esce
dai tuoi viaggi al buio
-tra il non senso e la paura-
ad occhi chiusi sul cuscino
 
portami con te
 
dentro ai pianti silenziosi
sbocciati senza seme
o nell’inferno
dei tuoi fianchi affusolati
specchio amico inganno, di un amore
che non vuole uscire ,non sa più parlarti
non sai più ascoltare
 
portami con te
 
sarò lentiggine
giaciglio lume cane
o solo pioggia
d’estate sulla pelle
 
prendimi la mano
 
si è meno soli
a naufragare in due
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Donna

tavolozza d’acquerelli
tra le ombre dei ginepri               
                                                          mimosa
vento di maestrale
nelle vele dell’inverno
 
si alza un seme di soffione…
e sei donna
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Ho un sogno ( Selma 7 / 3 / 1965 )

Ho un sogno

che non ha paura dell’alba
mi vive addosso

come la pelle

suda quando l’aria
avvampa d’arroganza
vibra di carezze
in pianti inosservati
e non distingue
colori o Altari

ho un sogno…
che sia anche il tuo.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Foulards

temo la ragnatela
più del ragno

l’immobilismo al pianto
fiorito senza semi
l’attesa sopra l’onda
dell’ultima risacca
 
o i tuoi foulards sul capo
a nascondere la pelle, nuda
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Davanti ad un granello solo

L’ho lasciato
con lo sguardo bianco
-come il suo letto-
e cadevano come a natale
voglie di gelato,
sulla bocca senza piu’ appetito

si sbriciola la forza
davanti ad un granello solo
e chino, chiudere la porta
come un ramarro al sole
di luna piena

ma e’ quasi notte
e ho freddo sulla schiena

 

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

La paura è nascosta in un soffio di vento

Non temo
il vedermi senza vita
-sara’ di tutti-

la mia paura
e’ di lasciarti sola

come quel ciottolo
sulla credenza
a pugni colmi
di silenzi, sguardi

e accarezzarti
solo di vento

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Farfalle grigie (silloge per un papà)

Farfalle grigie tra i capelli
il tuo cappello a sogni
sul comodino accanto
e quel sorriso
di chi ha rubato il cioccolato
 
mentre cercavo
di fermare il vento
con le mani, giunte
 
alla fine
 
e forse non capivi
o salutavi
———————————–
a piccoli passi
attraverso il silenzio
della tua voce
 
lontano da filari di pietra
che trasudano gelo
su terra vigliacca
rubata ai germogli
 
sereno
 
di un soffio sul viso
ogni tanto
 
——————————-
 
non avevo capito
quante fossero le stelle
fino a che il buio
non mi ha riempito l’aria
 
a goccia batte il tempo
su occhi un po’ più soli
 
ma sorridono a guardare
farfalle grigie in volo
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Rimpianti

è una goccia che batte
la parola non detta

un silenzio morso da labbra
-spaccate di sole-

come l’ocra d’autunno
tra i rami ritorti

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

La madre e il fiume ( genova oggi come ieri) 10-10-2014

Ho sperato fosse un sogno

sembra appesa a un filo
armonico, teso nella pece
un lasso al fango
tra ponti infermi
dove occhi ingabbiati
cercano spazi d’aria
trovando ammucchi
e foglie morte
di confine

è un attimo che scatta
nel frastuono si fa madre
severa, scuote radici
inabissa mari, di rabbia
annega i figli
due schiaffi al viso
lasciano un segno al domani

L’arroganza srotola macigni
semenza nera che divora
cemento grigio tra la pelle
anche il cielo se ne accorge
smania sottovoce,
sogni e virgole nell’acqua
appendono buio alle parole
come in un pozzo d’ombre
rigirare il sole con un dito

e non mi sveglio.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Se ci sei

Ti cercherò ancora

nell’ombra di una madre
a seguire il mare
da una sponda all’altra
che non ci siano buche

accanto a letti bianchi
dove il dolore non bussa
e la dignità si perde

all’angolo di strada
dove l’unica carezza è il freddo
a far da velo agli occhi

Si.. ti cercherò ancora
per urlare il mio perchè
di questo amore senza carezze
e del tuo tempo che l’uccide

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Fruscio d’ottobre

un acquerello sbiadito
racimolo di sogno

sparso di tempo
che traluce
dalle asole dell’anima

quel primo scompiglio
che non vuol morire mai

edera che avvolge
fruscìo d’ottobre

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Fumo di stoppie (per non dimenticare)

rovi tutto in giro al campo
e il fumo saliva
dalle stoppie che bruciavano

cercavano i fratelli andati via
strappati dalla terra come i fiori
e marchiati da caino
come bestie da macello

trovarono soltanto rami spogli
arido silenzio a galaverna

e un dio nascosto tra le stelle

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

La sedia bianca

l’attesa è foglia ballerina
che non sa come posarsi

il bianco di una sedia
tra glicine e corsie

o solamente terra…
con la pioggia, fango

Pubblicato in Senza categoria | 2 commenti

Forse

Forse,
sarò luce che si mischia
oppure, solo cibo per i fiori

ad ogni modo

lascerò briciole di pane
o due papaveri
per i tuoi capelli

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Ballo di falena

 

 

briciole di pane                     
nel sorriso di un bambino

ballo di falena
le mie dita tra le tue

un refolo di sogno
e lentamente scorrere

Pubblicato in poesia | 1 commento

Voglia di caffè

scrivo
perchè non ho ali
a cui affidare la mia sete
né alcun ritegno
per la mia anima

ho cieli senza specchi
tre biglie nella tasca

e all’alba

una gran voglia di caffè

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Sei amore

sei amore

nell’odore della terra
tra lo scorrere dell’acqua

dentro a briciole di pane
posate sul balcone

come anima i sogni
la carezza all’improvviso

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Una frasca al sole

se tu fossi, e accanto a me
ti porterei negli angoli
 
dove la vita è spezzettata
in sacchetti della spesa
e si raccolgono pietruzze colorate
in mezzo a facce scure
con il riso che non è più
neanche sulle labbra
 
tra le mani di una madre
mentre sistema con paura
la bandana al suo bambino
o su letti come neve
freddi del dolore che non bussa
e uccide all’uomo, dignità
 
se tu fossi , e accanto a me
ti chiederei solo il motivo
di burattini grigi
che non saranno mai bambini
e del tuo amore vivo
solo tra pagine ingiallite
 
poi, sradicami pure
lasciami frasca al sole
sarò pane, tepore
o quattro petali di rosso
tra i campi di maggese
Pubblicato in Senza categoria | 4 commenti

Accartocciata

Non è dei lividi
quel rivolo sul viso
 
è crepa tra i mattoni
sbriciolarsi di malta
 
racimolo di sogno
che si fa pozza d’ali
 
accartocciata
in un angolo di sera
Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Con il moccolo dal naso

ero un bambino incuriosito
con il moccolo dal naso
per mano a mia madre
sul treno che lasciava il sole

una valigia con due semi
una fotografia
e il profumo delle arance
tra i capelli ricci

questo avevamo

con un panino il pomodoro in mano
guardavo Il finestrino correre
su immagini senza ricordi
e mia madre che cercava
di essere la stessa
goccia di rugiada su ginestra

ma i suoi occhi no
sapevano di grano
sotto al temporale
ogni tanto fissava fuori
assente pensierosa impaurita
questo non l’ho mai saputo
ma mi abbracciava forte
al cuore che correva

Sono tanti ormai i ritorni
da quel partire di cartone
ed ad ogni verso si riapre ancora

una finestra allo scirocco
che trafigge di profumi

 
 

 

Pubblicato in Senza categoria | 1 commento

Graffi d’ardesia (preghiera di una madre)

galaverna di vento
sulla pelle e nel cuore

graffi d’ardesia
quei colpi alle labbra
-troppo rosse per essere “ amore”-

la preghiera è un urlo
che rischiara le ombre:

fatti piccola, notte
ritrai unghie e bestemmie
rimboccali ancora,

che siano falene

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Mare nostrum

Vorrei sentirti vivo
-come carezza sulla pelle
girasoli agli occhi
o solamente ombra accanto-

ma non ho ancora
mani così forti
da poter pregare

i colori mi confondono

come questo mare
troppo rosso
per essere cielo

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Al di là degli occhi (Sereno)

Non mi opprime più la notte
-arrogante padrona del silenzio-
né mi toccano ombre
forti d’aria passata

al di là degli occhi è il mare

terra disfatta
le mani del buio, a stringere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Ladri in chiffon

Si nasce nudi
prigionieri di un respiro

lo stesso che si ruba
per vestirsi di chiffon

e sentirsi belli, da morire

 

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Rimembranza

Bastano poche lucciole
a spezzare il buio
tra le foglie

come una gerbera
tra i fogli
l’arsura di una sera

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Il girasole cieco

nasce da un seme spezzato
l’amore che non sa volare

un girasole cieco

che sbatte petali tra i sogni
e scarpe rosse contro il muro

ad aspettare sera

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Acquerello

e poi che importa
i pantaloni che cadono
sui fianchi d’alba

un acquerello di farfalle
ti ha rubato il tempo

ignaro di sobbalzi
il tuo profilo

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento